”ZENA” BRECCIOLE: UN OTTIMO VERDICCHIO CHE RACCONTA UNA STORIA

0
560
views
PARTNER WINE VISITA AZIENDA ZENA

A pochi passi dal comune di Cupramontana si trova l’azienda agricola Maria Zenobia Sassaroli.

Percorriamo la strada non asfaltata come ci avevano accenato, il bianco risalta alla vista tra la strada e la leggera foschia.

Il pensiero di aver sbagliato percorso si fa sempre più frequente, il verde degli alberi si intravede dietro al leggero biancore della nebbia, con il dubbio sempre più forte d’aver sbagliato.

Nel momento in cui iniziamo a cercare una casa dove poter chiedere informazioni, ecco che la salita finisce e lascia spazio ad un panorama da cartolina: la Contrada Brecciole.

I vigneti e le viti che riusciamo ad ammirare sembrano siano disegnati, precisi, in fila come se fossero stati piantati da qualcuno con un righello, mi danno un senso piacevole di pace e la certezza dell’errore lascia spazio ad una piacevole sensazione lasciandomi constatare che non ci sarebbe stato un luogo migliore per la creazione di un’azienda agricola.

La titolare ci accoglie in maniera calorosa come i marchigiani sanno fare, subito ci spiega che questa azienda nasce a seguito di una tradizione familiare che si occupava della produzione di alcuni prodotti agricoli, tra cui anche il grano e l’olio, ma tra questi, purtroppo, non era presente il vino, in quanto le uve venivano conferite per la produzione ad altre aziende.

Solamente nel 2016 nasce la prima creazione, un verdicchio, una selezione di uve derivate da una lavorazione attenta soprattutto alla qualità e alla genuinità del prodotto.

“Zena” la titolare, cresciuta nel settore, ci fa ben capire quanto fosse forte la volontà di iniziare a produrre il “suo” vino, proprio dalla sue terre, in quelle vigne tra cui è cresciuta che le ricordano le corse da bambina.

La sua prima creazione prende proprio il nome della zona dove si trovano le vigne: “Brecciole”, da quest’oasi meravigliosa.

Zenobia ci lascia ammirare il paesaggio da quelle colline, peccato il freddo della stagione invernale, altrimenti saremmo rimasti ad ammirare sicuramente per più tempo il panorama, le linea perfette e diritte delle vigne, affascinanti.

Prodotto di una lavorazione limitatissima, si ottengono solamente 1300 bottiglie di verdicchio in purezza.

La lavorazione avviene con una raccolta manuale delle uve, con un sapore finale che Zena riuscirebbe a riconoscere ad occhi chiusi come riconoscerebbe, ad occhi chiusi, ogni zolla di terreno dei suoi vigneti.

Giallo paglierino con intensi riflessi verdognoli, questo vino è l’ideale da degustare con piatti a base di pesce dove viene messo in risalto il profumo intenso ed elegante di questo prodotto tra cui riusciamo a percepire anche dei sentori agrumati.

Bella scoperta, sia per questa azienda che per il vino, un prodotto che avendo conosciuto la storia sembra quasi di riuscire ad assaporarla ad ogni sorso.

Entusiasti, d’aver trovato un altro piccolo angolo delle Marche, non ci resta che aspettare la prossima visita e perchè no scoprire un altro buonissimo prodotto dell’azienda di Maria Zenobia Sassaroli, tra le nebbie e i sapori di questa terra che giorno dopo giorno scopriamo essere unica ed entusiasmante.