martedì, dicembre 18, 2018

LE VELE VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI DOC Moncaro

 8,50

Moncaro Il Logo

Descrizione

Verdicchio dei Castelli di Jesi Denominazione di Origine Controllata Classico

vigneti
Regione viticola: Marche, provincia di Ancona.
Ubicazione: selezione di più vigneti attuata in base all’andamento stagionale nell’area Classica di produzione del Verdicchio nei comuni di Montecarotto, Serra de Conti, Castelplanio e Rosora.
Età: 8-30 anni.
Suolo: di origine sedimentario marino alluvionale, con prevalenza di argilla e sabbia del Plio-Pleistocene e Miocene. Esposizione ed altitudine: esposizioni assolate e boreali; altitudine media da 250 a 430 m.
vitigni e coltivazione
Uve: 100% Verdicchio.
Sistema d’allevamento: capovolto e guyot.
Densità d’impianto: 1.700-3.000 ceppi per ha.
Resa per ettaro: circa 100 q d’uva per ha.
vinificazione
Raccolta: doppia vendemmia a mano e parte a macchina nelle ore più fresche della giornata.
Vinificazione: tutte le fasi sono realizzate al riparo dall’aria, in ambienti saturi di gas inerte per preservare il prodotto da dannose ossidazioni. Pressatura soffice e decantazione statica del mosto a freddo. Fermentazione ad opera di specifici lieviti ad una temperatura molto bassa, successiva conservazione e imbottigliamento in ambienti al riparo dall’aria e saturi di gas inerte.
Maturazione: dopo una breve maturazione in serbatoi d’acciaio, affina in bottiglia in magazzino termocondizionato.
note di degustazione
Alla vista: il brillare del suo giallo paglierino tenue, virgolato di verde, ne annuncia tutta la freschezza.
Al naso: i profumi primari si espandono a decisi sentori fruttati di pesca bianca, agrumi, mele, con delicate percezioni amarognole, tipiche del vitigno. Fine e piacevolissimo, è supportato da buona intensità e prolungata estensione odorigena.
Al gusto: secco e morbido, per favorirne volutamente la freschezza. Il suo giusto tenore alcolico, con un’ottima intensità e persistenza, si affianca egregiamente alle ben percettibili acidità e sapidità, tipiche dei vini da gustare in giovinezza. L’equilibrio quindi è ben dosato in un vino nato per godersi in estate, ma che si lascia apprezzare durante tutto l’anno.
evoluzione
La sua giovinezza è longeva e giunge alla maggiore età a due anni circa dalla vendemmia, esprimendo in questo lasso di tempo il meglio della sua fragranza.
abbinamenti
Antipasti di crostacei e molluschi bivalvi ed insalatine di mare sono parte essenziale della sua corte. Ama i cibi grassocci ma non soffocati da salse speziate o troppo aromatiche e nutre, per via della sua freschezza, antipatie “a pelle” con il pomodoro. Ciò lo rende ottimo sui pesci grassi di mare, ma anche di fiume e di lago, con preparazioni in bianco. Le paste e i risotti mantecati al burro fanno parte delle sue preferenze.
temperatura servizio
10/12° C.
dati
Alcool: 12,5% vol.

AWARDS
 
VINI BUONI D’ITALIA
2003 – 2002
SOMMELIER WINE AWARDS LONDON
2014
SELECTIONS MONDIALES DES VINS CANADA
2011
JAPAN WINE CHALLENGE
2010
MUNDUS VINI GERMANY
2011 – 2010
BERLINER WEIN TROPHY
2008
CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES
2005
INTERNATIONAL WINE CHALLENGE LONDON
2004
BERLINER WEIN TROPHY
2011
JAPAN WINE CHALLENGE
2011
CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES
2011 – 2001
SELECTIONS MONDIALES DES VINS CANADA
2010
MUNDUS VINI GERMANY
2008 – 2006 – 2004 – 2001
INTERNATIONAL WINE CHALLENGE LONDON
2008
INTERNATIONAL WINE & SPIRIT COMPETITION LONDON
2007
THE SHANGHAI INTERNATIONAL WINE CHALLENGE
2006
CHALLENGE INTERNATIONAL DU VIN BORDEAUX
2004

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.